La Federazione Famiglie Arcobaleno ringrazia del sostegno a favore del matrimonio per tutti

La Federazione Famiglie Arcobaleno ringrazia l’elettorato svizzero per l’ampio consenso dimostrato a favore del matrimonio per tutti. «Siamo molto felici per questa storica e importante decisione popolare», dichiara soddisfatta Sara Bonora, membro del comitato della Federazione Famiglie Arcobaleno. «L’accettazione del progetto è un passo significativo verso la parità e il riconoscimento delle famiglie arcobaleno in Svizzera», aggiunge. Ringrazia l’elettorato per non essersi lasciato fuorviare dall’accesa campagna lanciata da oppositrici e oppositori. Il matrimonio per tutti è arrivato a essere un tema centrale della società, un segnale di accettazione delle molteplici forme di convivenza e della pluralità familiare. Ha vinto tutta la società, senza togliere nulla a nessuno.

La nuova legge garantisce alle coppie dello stesso sesso la possibilità di adottare un figlio insieme, come pure l’accesso alla procreazione medicalmente assistita alle donne sposate. In quest’ultimo caso è importante che, nel momento in cui si concepisce un figlio con l’aiuto di una banca del seme in Svizzera, la genitorialità venga riconosciuta dalla nascita, garantendo così ai figli piena tutela giuridica sin dall’inizio, qualora succeda qualcosa a un genitore o la coppia si separi.

La campagna per la votazione lascia tracce dietro di sé

La Federazione Famiglie Arcobaleno ha sicuramente tutti i motivi per festeggiare questo risultato, ma la campagna per la votazione ha lasciato delle tracce nei membri della Federazione. «Le nostre famiglie sono finite al centro del dibattito politico, che talvolta ha usato toni molto dispregiativi», lamenta Sara Bonora. «Oppositrici e oppositori hanno affisso manifesti poco rispettosi: siamo felici di non vederli più in giro e di non sentire più le voci di queste persone».

Ora la preoccupazione principale della Federazione Famiglie Arcobaleno è affrontare le riserve e i pregiudizi ancora in essere, per cui continuerà a impegnarsi a favore dell’accettazione delle famiglie arcobaleno nella società. Sul piano politico, l’impegno della Federazione si concentrerà sul congedo parentale, come pure si cercherà una soluzione per garantire a tutti i figli la tutela giuridica dalla nascita attraverso una revisione del diritto in materia di filiazione.

Un grande grazie a chi ci ha sostenuto

La Federazione Famiglie Arcobaleno ringrazia tutte le persone, le associazioni e le organizzazioni che l’hanno supportata durante la dura campagna per la votazione con i loro slogan e le loro attività, in particolare le organizzazioni familiari e giovanili che si sono impegnate a livello nazionale o cantonale: Pro Familia Svizzera, Pro Juventute, Protezione dell’infanzia Svizzera e Ombudsman dei diritti dei bambini Svizzera. Uno speciale ringraziamento va alle coppie, alle famiglie e ai giovani che si sono messi a disposizione come testimonial nella campagna o per le fotografie e le interviste nei media, poiché hanno dato un contributo prezioso a far conoscere più da vicino la realtà delle famiglie arcobaleno.

Restiamo a disposizione per rispondere alle vostre richieste via e-mail o al telefono.

Sara Bonora – Membro del comitato
medien@regenbogenfamilien.ch
+41 78 757 36 27

Federazione Famiglie Arcobaleno
Questa associazione attiva su tutto il territorio nazionale tutela dal 2010 gli interessi delle famiglie arcobaleno in Svizzera e si impegna per il loro riconoscimento sociale nonché per la parità dei loro diritti. La Federazione propone servizi di consulenza e incontri per famiglie arcobaleno e persone LGBTIQ* che desiderano avere un figlio come pure organizza workshop ed eventi informativi sul tema delle famiglie arcobaleno. Il termine «famiglie arcobaleno» indica famiglie nelle quali almeno un genitore si considera lesbica, gay, bisessuale, trans* o queer (LGBTQ). Insieme ad altre cinque associazioni, la Federazione Famiglie Arcobaleno è membro del comitato Matrimonio per tutt*, che ha sostenuto la campagna «Sì, lo voglio».

Menu